Il museo e Spotify: Palazzo Madama a Torino

Il museo potrà quindi creare nuova interazione anche tra utenti e l’organizzazione, e fidelizzare i visitatori. Sarà divertente ad esempio, capire qual è il musicista o il brano più ascoltato, quale genere musicale si associa maggiormente alla visita al museo e così via. E il museo già pensa ad un contest per individuare la playlist del mese e diffonderla all’interno del museo.

Un’altra iniziativa italiana che può far ben sperare per l’innovazione culturale in questo paese.

Così col passare del tempo si creerà una variegata colonna sonora del museo, fatta da chi il museo lo fruisce. I più pigri o i meno avvezzi alla creazione di playlist, poi, potranno persino scegliere di utilizzare nella loro visita quelle create da altri.

Questo piccolo museo torinese ha deciso di creare un proprio profilo Spotify e di invitare i visitatori a condividere le loro colonne sonore. Questa idea serve sia per invitare i visitatori a inventarsi un nuovo modo di approcciarsi alle opere d’arte e di farlo conoscere agli altri. “ Un modo per rendere il museo partecipato che poi ciò che desideriamo” ha detto il direttore marketing della fondazione Torino musei.

Lo scopo di questo blog è, tra l’altro, cercare di scovare le migliori case history di questo cambiamento in atto, e questo è il caso per il museo di Palazzo Madama a Torino.

Ora però i visitatori non si accontentano più di un semplice cartellino, ma chiedono altri mezzi di interazione con l’opera: QR code, applicazioni mobile, percorsi polisensoriali, story telling ecc.

Fino a non molti anni fa il modo di partecipare alle mostre non era cambiato di molto. Alcuni hanno persino detto che l’ultima grande innovazione prima dell’ultimo decennio sia stata l’introduzione nel 1770 dei cartellini didascalici sotto ai quadri degli Uffizi da parte di Tommaso Puccini.

Sempre più spesso si vedono nei musei persone che partecipano alle mostre ascoltando musica. Un museo di Torino si è incuriosito di questa abitudine e ha deciso di aprire un proprio profilo Spotify per far condividere ai visitatori le proprie playlist.